Country Zeb

Camminare orizzontale


I muscoli si tendono a spingere la bicicletta.

Quello sforzo di affrontare l’obliquo quando ero così abituato all’orizzontale.

Le case e gli alberi mi cadono addosso. Io li guardo dal basso, l’angolazione mi vede perdente.

Poi cammino sul marciapiede, il collo si inclina appena, verso destra.
Un cambio di prospettiva a ritrovare la verticalità delle cose, l’orizzontalità dei miei passi.

È tutto lì, come prima.

È una questione di ritrovare l’equilibrio ad ogni istante, e perciò non perderlo mai, e neanche mai averlo.

E le case, i palazzi, i lampioni, gli alberi si ergono dritti verso il cielo. Avanzano adagio, nella ritrovata pianura.

È così che si scavalcano le montagne, camminando fieri in pianura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/04/2011 da in Senza categoria con tag .

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 74 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: